Dalla Puglia il progetto Su.pr.Eme. Italia, per l'integrazione degli stranieri che lavorano nei campi, si sposta in Campania

1' di lettura 07/04/2022 - Dalla Puglia, dove ha toccato i comuni di Foggia, Rutigliano e Nardò, il progetto Su.pr.Eme. Italia (Sud protagonista nel superamento delle emergenze), che promuove processi di integrazione ed inclusione della popolazione straniera impegnata nel lavoro sui campi, si sposta in Campania.

Il pomeriggio di giovedì 7 aprile, alle 14, nel Centro di aggregazione sociale di Via Niccolò Macchiavelli a Castel Volturno (Caserta), si è svolta l'iniziativa a cui ha preso parte l'assessore regionale alla Legalità, Sicurezza e Immigrazione, Mario Morcone.

"In una Regione che ha fatto dell'accoglienza un tratto identitario, diventando negli anni una terra con una massiccia presenza di migranti impiegati nei settori agricolo ed edilizio, dove la richiesta di manodopera è alta, l'incontro - spiegano da palazzo Santa Lucia - sarà l'occasione per interrogarsi su cosa fare per andare oltre l'accoglienza assicurando condizioni di vita umane e dignitose agli stranieri presenti, individuando piani di integrazione ed inclusione, forme di lavoro regolare che ne valorizzino competenze e talenti".

"Il fenomeno dello sfruttamento lavorativo nelle campagne - dichiara Morcone - seppur nato e sviluppatosi nel Mezzogiorno, si è lentamente esteso in tutto il Paese, diventando una emergenza nazionale. Ma è al Sud che l'Europa guarda con più attenzione ponendo le basi per interventi di sistema e nuovi approcci culturali".






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 07-04-2022 alle 09:20 sul giornale del 08 aprile 2022 - 107 letture

In questo articolo si parla di attualità, agenzia dire

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cYhZ





logoEV
qrcode