Cattedrale di San Donato

Via San Donato, Acerno, SA, Italia

08:00-12:00 16:00-20:00

La Cattedrale di San Donato è un edificio di culto ubicato in via San Donato ad Acerno.

La Cattedrale è dedicata al Santo Patrono di Acerno, l’edificio è stato realizzato a partire dal 1575 sulle rovine di un precedente edificio elevato a cattedrale della diocesi di Acerno nel 444 da Papa Leone.

Agli inizi del 1700 ampi restauri ne determinano la linea architettonica barocca e verso la fine dello stesso secolo viene eretto il campanile rastremato a più ordini.

L’esterno del fabbricato è caratterizzato da una facciata con ingresso centrale e due laterali minori, il tutto sormontato da due finestre e un rosone centrale. Il campanile si sviluppa su quattro livelli ed è sormontato da un bulbo terminale ricoperto con un guscio metallico in rame.

L’ambiente interno, a croce latina, è composto da una navata centrale maggiore e da due laterali minori, il transetto, un’abside e una sagrestia con ambienti di servizio.

Ha quattro altari, il maggiore in fondo alla navata centrale, dedicato ai nostro inclito Protettore, due nella navata destra, dedicati il primo a S. Michele Arcangelo, di patronato della famiglia Cerrone ed il secondo a S. Apollonia. di patronato della famiglia Cuozzo ed il quarto nella navata di sinistra, dedicato a Maria SS. Immacolata.

A causa degli eventi distruttivi avvenuti nel tempo, gli interni non presentano opere d’arte di rilievo. Uniche cose sopravvissute sono alcuni affreschi del 1700 attribuiti al pittore Leonardo Pallante e l’altare maggiore.

L’altare maggiore è sontuoso e splendido, degno d’ornare una basilica. E formato di marmi finissimi, di squisita fattura e magnificenza, da destare l’ammirazione di quanti l’osservano.

Al di sopra dell’altare, in una nicchia nella parete, si contempla l’antichissima statua in legno di San Donato, opera di autore ignoto, la statua raffigura il Santo in abito pontificale, in atto di benedizione.

La statua d’argento fatta nel 1732, che nel giorno della festa viene portata in processione, si conserva invece nella Vice Cattedrale insieme alla preziosa reliquia (porzione del cranio) del Santo.

A seguito di numerosi eventi sismici, in particolare quello del 1980 e di un successivo incendio, la struttura ha subito numerose modifiche strutturali. Con un progetto di ristrutturazione del 1989 la chiesa è stata recuperata completamente e riaperta nuovamente al culto.

Visitato 325 volte, 1 Visit today

Postato in Chiese e Santuari