Chiesa e Convento di San Antonio

Via Rimembranza, Acerno, SA, Italia

La Chiesa di San Antonio da Padova con l’annesso convento dei Frati Minori fu edificata intorno al 1584.

Il 25 settembre del 1583, si ottenne dal Pontefice Gregorio XIII il decreto, che autorizzava la fondazione del convento.

La chiesa è ad una sola navata, ampia e maestosa. Possiede un artistico quadro di S. Francesco di Assisi, che si ritiene opera pregevolissima di Luca Giordano. Probabilmente dello stesso autore dovranno essere i due quadri ovali, collocati sulle porte ai due lati dell’altare maggiore, rappresentanti l’uno S. Francesco e S. Domenico, l’altro S. Tommaso d’Aquino e S. Bonaventura.

Anche la tela dell’Addolorata ha dei pregi artistici. Nel soffitto, che era a tavole dipinte in stile barocco si trovavano tre grandi e belle tele, di non indifferente pregio artistico, rappresentanti S. Antonio e i suoi miracoli, le quali, quando il soffitto fu trasformato a volta in stucchi, furono rimosse e, collocate arrotolate in un luogo umido, si guastarono e sventuratamente divennero irriconoscibili.

Il convento è di forma quadrata, a volte sode e fu adibito a studentato. Le pareti del suo chiostro ampio e maestoso erano istoriate ad affreschi, ma quando per le leggi della soppressione, il Convento coll’annessa chiesa passò in proprietà del Municipio, il chiostro fu in buona parte adibito a deposito di carboni ed i detti affreschi furono distrutti.

Il complesso conventuale, che è situato al centro dell’abitato in via Rimenbranza, fu successivamente adibito a Casa Municipale ed alle scuole, mentre alcuni locali inferiori furono adattati ad uso del molino e della cabina elettrica.

La struttura fu gravemente danneggiata dagli eventi sismici del 1980.

Attualmente è oggetto di restauro e ricostruzione.

Visitato 312 volte, 1 Visit today

Postato in Chiese e Santuari