Parco Regionale dei Monti Lattari

Parco Regionale dei Monti Lattari - Salerno

Sito Web

081.930247

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

L’Ente Parco Regionale dei Monti Lattari è l’organismo di gestione del Parco, preposto alla tutela istituzionale attiva del patrimonio dei valori e delle vocazioni dei Monti Lattari.

Istituito il 13 novembre del 2003, con Decreto del Presidente della Giunta Regionale della Campania n. 781, – in ossequio alla Legge Regionale n. 33 del 1 settembre 1993 e s.m.i. e in conformità ai principi della Costituzione Italiana e alle disposizioni generali della Legge n. 394/1991-, l’Ente riveste un ruolo cerniera tra i due versanti della Penisola sorrentino-amalfitana.

Il Parco Regionale dei Monti Lattari copre una superficie di circa 160 Kmq e abbraccia l’intera penisola sorrentino-amalfitana con le sue vette più alte di Sant’Angelo a Tre Pizzi e Monte Faito. L’area è fisicamente delimitata dal mare del Golfo di Salerno, dal piano Nocerino-Sarnese e dal mare del Golfo di Napoli e comprende alcune delle più suggestive località turistiche della regione, come Positano, Amalfi e Ravello.

Il suo territorio è ricco di emergenze turistico-patrimoniali e disseminato di importantissimi centri storici, testimoni di una presenza fortemente radicata dell’uomo, ma anche di peculiarità ambientali che si esplicitano in un’intima unione tra due elementi apparentemente in contraddizione: la montagna e il mare. Un’unione che intimamente colpisce e affascina milioni di turisti e viaggiatori. Il Parco Regionale dei Monti Lattari è assolutamente peculiare, così particolarmente incastonato tra monti e mare da rappresentare, nella sua meravigliosa molteplicità, un unicum di rara bellezza.

Il paesaggio vegetale dei Monti Lattari si può suddividere schematicamente in tre gruppi: sul mare e sui versanti meglio esposti predominano il carrubo e l’olivastro; nella fascia intermedia prevalgono il leccio, l’orniello, la roverella e arbusti come il corbezzolo e l’erica; alle quote maggiori abbondano il castagno e l’ontano, ma anche il carpino, il frassino e il faggio. Inoltre il lungo e paziente lavoro dell’uomo ha impiantato agrumeti e vigneti su ogni lembo di terra coltivabile, faticosamente strappato alla pendenza mediante la realizzazione di arditi terrazzi.

I comuni del Parco sono: Agerola, Castellammare di Stabia, Gragnano, Lettere, Meta, Piano di Sorrento, Pimonte, Vico Equense, Amalfi, Angri, Atrani, Cava de’ Tirreni, Cetara, Conca dei Marini, Corbara, Furore, Maiori, Minori, Nocera Inferiore, Pagani, Positano, Praiano, Ravello, Sant’Egidio del Monte Albino, Scala, Tramonti, Vietri sul Mare.

Sede Legale ed Operativa del Parco Regionale dei Monti Lattari è ubicata in Viale Ippocastani – Località Quisisana- Palazzo Reale – 80053 Castellammare Di Stabia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Visitato 1304 volte, 1 Visit today

Postato in Parchi e Oasi