Palazzo De Simone

Via Vittorio Emanuele II, Bracigliano, SA, Italia

Non si hanno notizie circa l’anno della fondazione del Castello di Bracigliano. Vassalluzzo lo annovera tra i 15 castelli che intorno al Mille da Castellammare di Stabia a Serino formavano una cortina di ferro per la difesa della zona: Pimonte, Lettere, Gragnano, Castellammare di Stabia, Angri, Sarno, Nocera, S. Maria a Castello, Castel San Giorgio, Bracigliano, Forino, S. Severino, Montoro, Solofra, Serino.

Non ebbe la struttura del castello tradizionale; fu piuttosto un piccolo forte di modeste proporzioni. Lo rileviamo dall’unica testimonianza storica del secolo xv.

Il castello fu fondato su di un antico caposaldo romano, simile a quelli che Roma eresse qua e là dopo la conquista della Campania e del Sannio, per consolidarvi il dominio, per la protezione e difesa delle antiche strade militari nelle valli adiacenti al di là dei rispettivi spartiacque.

Nel 1754 l’antico fortino fu trasformato in residenza nobiliare a opera del marchese Nicola Gerardo Miroballo.
Morto nel 1790 senza eredi il marchese Cesare Pasquale Miroballo, il feudo divenne terra regia e per conseguenza anche il palazzo entrò a far parte del demanio pubblico.

La struttura del palazzo è frutto di un progetto magistrale per l’armonia, la posizione, le due facciate, anteriore e posteriore, la struttura dei terranei, dei torrioni, e delle grandi soffitte. Il semicerchio che chiude il grande cortile, ha al suo centro la cascata, alimentata dal proprio acquedotto.

Il palazzo fu acquistato dal sig. Aniello De Simone il 18 giugno 1824 tra il Re delle due Sicilie Ferdinando I, rappresentato dal principe di Gerace D. Pasquale Serra e dal sig. D. Aniello Se Simone, proprietario, e nel 1938 il palazzo fu acquistato dal Comune.

Visitato 983 volte, 1 Visit today

Postato in Monumenti