I Palazzi nobiliari di Campagna

Campagna, SA, Italia

Percorrendo le strade del centro storico di Campagna di incontrano vari Palazzi nobiliari tra cui:

Palazzo Maffey che si trova nella parte alta della Città. Il grande portale con arco a tutto sesto contornato da grandi bugne e sormontato dallo stemma e da un grande balcone. Il palazzo risalirebbe all’inizio del XVII secolo. La famiglia Maffey venne a Campagna a seguito del marchese Caracciolo nel 1640 con il conte Lelio Maffey quale governatore. Lo stemma familiare è presente nel soffitto dell’ampio portone d’ingresso del palazzo.

Palazzo Pastore-Alinante che risale al XVI secolo è situato in via Giudeca, di fianco alla basilica, è stato restaurato dopo il terremoto mantenendolo quasi intatto. Posto su tre livelli, di stile barocco-neoclassico, al suo interno ha una cisterna, una scala sostenuta da pilastri ed una fontana parietale.

Palazzo Viviani, palazzo nobiliare presenta linee rinascimentali e barocche, a cominciare dal portale e dallo stemma lapideo. Nell’atrio è visibile lo stemma affrescato nel XVII secolo, inquartato con quello dei baroni Campanino e dei Pinto patrizi di Salerno. L’alto loggiato rinascimentale, composto da colonne ed archi, un tempo recava alla base una fontana barocca, ma conserva un pozzo nascosto nella pavimentazione.

Palazzo Bernalla risale al XIV secolo, posto in via San Bartolomeo, fu proprietà dei marchesi Bernalla. Di stile rinascimentale, presenta un atrio su cui si affacciano, su due livelli, colonne ed arcate in pietra e una fontana barocca con delfini. Il basamento d’ingresso del cortile è quello originale: si compone di piastrelle in cotto poste a spina di pesce.

Palazzo Trotta risale al XVI secolo, è stato edificato di fianco alla chiesa del SS. Salvatore nel quartiere Zappino. Le prime notizie dell’edificio risalgono al XVI secolo, di proprietà dei Trotta, nobili conciatori di pelli. Nella seconda metà dell’Ottocento passò alla famiglia Rivelli che posero, sulla facciata, una lapide indicante il vanto di un’ascendenza con la famiglia Guerriero.

Palazzo Cervone risale al XVII secolo è ubicato su largo della Memoria, si distingue per il bel portale bugnato sovrastato dallo stemma in marmo; l’interno per le sue linee architettoniche, per l’affresco nella volta dell’atrio, la fontana neoclassica e la peschiera del cortile. Per via di successione appartenne ai De Vargas Machuca principi di Migliano.

Il Castelletto di Via Madonna delle Grazie, edificato sotto il ventennio fascista, ubicato ai margini della città sulla costa alta degli affluenti fiumi Atri e Tenza, che guarda alle due vie e prima del ponte nuovo. Si racconta che fu sede in loco, di casa dì appuntamento legalizzata. Come tutte le case in Italia, dopo l’abolizione della legge Merlin, smise tale utilizzo al servizio della comunità locale e dei comuni viciniori dell’intero territorio.

Visitato 697 volte, 1 Visit today

Postato in Monumenti e Percorsi Turistici