Chiesa Parrocchiale di San Nicola di Mira

Largo Regina Margherita - Campora (SA)

09:00-12:00 16:00-19:00

La Chiesa di San Nicola fu edificata nel 1660, il dislivello tra la strada che percorriamo ed il piano del pavimento della chiesa è occupato dalla cripta che sappiamo coperta con volta a botte. Essa è stata usata, nel corso dei secoli, come luogo di sepoltura.

La facciata, a due spioventi, detta capanna, è di stile romanico. Nella parte superiore vi è un oculo e, ad un livello più basso, tre finestre rettangolari e strombate. L’impianto della chiesa, ad andamento est ovest, richiama alla mente altre chiese bizantine a due navate, in cui l’altare maggiore è posto nella parte absidale di una navata, che costituiva, pertanto, la vera chiesa officiante, mentre l’altra navata costituiva il corpo minore della chiesa, il paraclesion.

La struttura muraria è costruita da blocchi di calcare tenuti da malta e cocci di cotto. La dimensione dell’edificio, spessore delle mura compreso è di m. 25 per m. 22. La copertura era a trabeazione, successivamente fu realizzato il soffito, che è stato recentemente restaurato. Nel tempo la chiesa ha subito diverse modifiche e sicuramente un consolidamento che ne hanno alterato l’originale aspetto.

Si entra nella chiesa attraverso un bel portale in pietra sovrastato dallo stemma del comune di Campora, nobile testimonianza del lavoro che abili scalpellini hanno disseminato in questo paese.

Sopra la pensilina posta sulla porta d’ingresso, si trova l’organo, opera realizzata nel 1751, da Silverio Carelli. Sulla sinistra dell’ingresso è posta una pregevole pila per l’acqua santa, scolpita in pietra calacarea; sulla destra, in corrispondenza della porta d’ingresso della navata laterale, si può ammirare una bellissima vasca battesimale, opera del 1589.

La chiesa si presenta ad unica navata, custodisce pregevoli statue in legno. Ai lati dell’abside presbiteriale si trovano due altari: quello lato Vangelo è dedicato alla Madonna della Neve, quello lato Epistola a San Nicola di Mira, nelle nicchie sopra gli altari si possono ammirare la bella Statua della Madonna della Neve, e quella a mezzo busto di San Nicola, sculture policrome di interessante fattura e di notevole qualità formale ed esecutiva, entrambe databili nella prima metà del XIX secolo, di scuola napoletana, con una bella policromia e una preziosa doratura delle vesti, arricchita da una decorazione, sia dipinta che incisa.

Interessante è il bellissimo campanile parrocchiale a canna quadrata, modulata su quattro piani. Il secondo ed il terzo piano sono bucati da monofore su ogni lato, mentre il terzo è alleggerito da bifore. Il campanile si concludeva originariamente a questo punto, il quarto piano è stato realizzato successivamente per installare l’orologio, con i quadranti su ogni faccia.

Visitato 248 volte, 1 Visit today

Postato in Chiese e Santuari