Chiesa di San Pancrazio martire

Via Vreca, Conca dei Marini

09:00-12:00 16:00-19:00

Della Chiesa di San Pancrazio martire non si conosce l’epoca esatta della sua fondazione, il documento storico più antico che ne fa cenno è un’attestazione risalente al 30 gennaio 1370, redatta dall’Arcivescovo di Amalfi allora in carica, Monsignor Marino, in cui si afferma che la chiesa era un patronato della famiglia Mele a partire dal 1362.

Nel 1543 la chiesa di San Pancrazio venne saccheggiata da un attacco ordito dai pirati, restando inagibile per lungo tempo. Il 20 novembre 1908 subì il crollo del campanile, successivamente ricostruito.

In una splendida posizione, l’edificio religioso è circondato da un ampio cortile, su cui sono disposte due file laterali di palme davanti alle tre porte d’ingresso, al di sopra delle quali sono presenti mosaici di scuola ravennate (realizzati nel 1957) raffiguranti San Pancrazio a destra, Sant’Antonio di Padova a sinistra e al centro alla Madonna del Carmine. All’interno la chiesa è formata da tre navate e tre absidi.

Le navate laterali sono sovrastate da volte a crociera e possiedono tre piccole cappelle a testa: a destra quelle dedicate a San Gaetano, alla Madonna della Neve e a Sant’Anna, e a sinistra quelle dedicate al Sacro Cuore di Gesù, al Cristo Crocifisso e a San Raffaele.

Nella chiesa, inoltre, è venerata anche la Madonna del Carmelo, la quale viene celebrata con una solenne processione in occasione della festa del 16 luglio. Nei pressi della chiesa è presente un belvedere che affaccia direttamente sul mare, denominato Punta “Vreca”, poiché ha la forma di una nave, sul quale sorge una croce di ferro battuto.

Visitato 225 volte, 1 Visit today

Postato in Chiese e Santuari