Convento di San Domenico 1464

Piazza Ettore Emperio Mercato San Severino

Il Convento di San Domenico fu eretto intorno al 1464, all’epoca in cui il duca Giovanni di Sanseverino obbligò per testamento il figlio Roberto a edificare l’opera.

Sede municipale fino al terremoto del 1980, l’ex convento presenta una struttura architettonica rinascimentale: la facciata è a tre piani, alleggerita da colonne decorative.

Al primo piano si ritrovano colonne a tutto tondo intervallate da finestre e balconi, di stile dorico-tuscanico.

Al secondo piano si nota una serie di sette balconi limitati da parapetti in ferro battuto.

All’interno, il chiostro quadrato, sotto il quale recentemente è stata scoperta un’ampia cisterna circolare, è delimitato da un portico coperto da volte a vela che si scaricano su pilastri quadrati. Ai piani superiori si accede mediante uno scalone in pietra di ardesia coperto da una volta poggiata su pennacchi. Nelle pareti delle scale si ritrovano delle nicchie che ospitavano probabilmente delle statue.

Dell’intero complesso rifatto nel Settecento oggi resta di originale solo il campanile, attribuito a Novello di Sanlucano, architetto di Roberto Sanseverino ed autore del Palazzo Sanseverino a Napoli, oggi Chiesa del Gesù.

Visitato 241 volte, 2 Visite di oggi

Postato in Monumenti