Comune di Orria

Piazza Municipio 1 84060 Orria SA

Sito Web

0974.993006

09:00-12:00

Il comune di Orria è uno degli ottanta comuni compresi nel perimetro del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, e di esso è parte integrante per bellezza e ricchezza di scenari.
Il territorio del Comune di Orria, incluso interamente nell’ambito della Comunità Montana “Gelbison e Cervati”, ha una superficie di 26,34 chilometri quadrati e confina con i territori dei Comuni di Perito, Gioi, Salento, Stio, Magliano e Monteforte.

Il Municipio è situato in Piazza Municipio, 1 cap. 84060.

Sebbene i primi documenti che confermino l’esistenza di questo casale denominato Oriola e poi Oria, risalgano all’11° secolo,
la storia di Orria e delle sue frazioni, è analoga a quella di tanti piccoli borghi cilentani, sorti in seguito alla distruzione, per mano dei Barbari, nel 6° secolo d.C., di Velia, l’antica Elea per i Greci. Una delle città più illustri e famose del mondo antico, il cui splendore è collegato all’opera dei Focesi , navigatori ed esploratori temerari approdati sulle coste del Cilento, alle foci dell’Alento, provenienti dalla Corsica(Alaia), dove si erano stabiliti momentaneamente, dopo la fuga dalla Grecia, in seguito all’assedio sanguinoso dell’esercito persiano guidato da Arpago, alla loro città nel 545 a.C.

Il nome di Velia è legato in maniera inscindibile ad una delle maggiori e più importanti scuole filosofiche: la scuola Eleatica, fondata da Senofane di Colofone e resa famosa da Parmenide e dal suo allievo Zenone.

Nel corso dei secoli, Velia, al pari delle altre colonie greche, quali Paestum (Posidonia, per i Greci) e Bussento, subì numerosi tentativi di invasioni.

I primi ad assediarla, nel 5°secolo a.C. furono i Lucani, orgogliosi guerrieri di razza sannitica.

Dai Lucani deriva il nome dell’intera area che comprende il Cilento, il Vallo di Diano e la Basilicata: la Lucania.

I rapporti fra i due Popoli, in un primo tempo, ostili, divennero ben presto di collaborazione, con benefici reciproci.

I Greci, erano guardiani del mare, i Lucani custodi dei territori interni ove fondarono numerose città fra le quali Civitella e Roccagloriosa.

Una collaborazione stroncata nel sangue dai potenti eserciti romani, nel 275 a.C.

Durante l’età imperiale, Cesare Ottaviano Augusto, dividendo l’Impero in province, incluse il Cilento nel 3° dipartimento, destinandolo, di fatto, a pertinenza agricola di Roma, ovvero, luogo, dove allevare i migliori animali e coltivare i prodotti da destinare alle mense dei romani.

In seguito, le invasioni barbariche e la conseguente caduta dell’Impero Romano d’Occidente, la guerra Gotica, l’imposizione feudale dei Longobardi ed i continui saccheggi dei Saraceni, determinarono la disgregazione del Cilento in tanti piccoli nuclei che, nonostante la vicinanza, si ignoravano del tutto.

I centri maggiori sulle coste si svuotarono e la popolazione si disperse nell’entroterra, in zone più inaccessibili per i predatori, dando vita a molti villaggi , sorti spesso vicino ai conventi edificati dai monaci Basiliani.

Quest’ultimi arrivati nei territori cilentani intorno al 7°secolo d.C., per sfuggire alla furia iconoclasta scatenatasi nel loro paese.

Successivamente, i Longobardi, istituirono il Principato di Salerno e di guisa divennero anche padroni del Cilento. Il loro dominio durò fino al 1076, anno in cui , il Principato di Salerno, fu conquistato dai Normanni di Roberto il Guiscardo, il quale, in segno di gratitudine per la fedeltà mostrata, donò il Cilento a Troisio Sanseverino: la cui famiglia, fra alterne vicende, dominò su questa terra fino al 1500.

Secondo alcuni studiosi, Orria, al contrario dei Casali vicini, non apparteneva alla Baronia di Novi, dipendendo direttamente dalla Corona.

Dal 1476, anno in cui il Re vendette Gioi al suo primo Ministro: Antonello De Petruciis, fino al 1772, i casali di Orria, Piano e Vetrale, insiemi agli attuali territori dei Comuni di Salento, Perito e Moio della Civitella, divennero possedimenti dello Stato di Gioi e di questo seguirono le sorti.

Nel XVI Secolo, terribile fu la catastrofe umanitaria causata, prima da una grave carestia e poi dall’epidemia di peste del 1656, che decimò l’intera comunità orriese.

Dopo il 1500, a seguito della rinuncia di Ferrante Sanseverino ai suoi possedimenti, la terra cilentana fu smembrata e venduta ai vari nobili.

Quest’ultimi, quasi sempre napoletani, per la gestione dei vari feudi, si affidarono a fiduciari senza scrupoli che non esitarono a vessare con ogni angheria i poveri contadini, costretti a sopravvivere con gli avanzi di quello che essi stessi producevano.

I Baroni, con la forza ed il sopruso, nei secoli 16° e 17°, vantando diritti illimitati sui loro possedimenti, di fatto, ripristinarono la servitù della gleba.
Furono anni di fame, carestie, sfruttamento ed abbandono, che generarono la risposta della ribellione e della violenza: i Briganti.

Si narra, che proprio nelle campagne del Comune di Orria, i fratelli Capozzoli di Monteforte, famosi banditi dell’epoca per il Regime Borbonico, valorosi patrioti per le genti Cilentane, trovarono rifugio ed aiuto dalle famiglie locali.

Vicenda, ormai consolidatasi nell’immaginario popolare, sebbene trattasi di un “falso storico”, come sottolineato da alcuni studiosi. L’errore, perpetuatosi negli anni, è stato quello di inquadrare la vicenda dei fratelli Capezzoli, nel periodo del Brigantaggio, successivo ai “Moti del Cilento” del 1828, che videro quali sfortunati protagonisti i fratelli di Monteforte Cilento.

Nel 1772, Ferdinando IV di Borbone, autorizzò la divisione del Feudo di Gioi.

L’8 agosto 1806, durante il Governo Napoleonico, Orria divenne Comune autonomo e nella sua circoscrizione venne inclusa la frazione Piano Vetrale.

Tra gli uomini illustri di questa martoriata terra vanno ricordati : Bernardo Gugliucci, nato ad Orria verso la fine del 1700, esponente delle sezioni carbonare-filadelfe, partecipò ai moti cilentani del 1820-21.

L’Avvocato Erminio Lancellotti, in qualità di Consigliere provinciale ebbe il merito di realizzare varie infrastrutture pubbliche, tra le quali, la più importante è rappresentata dal “Ponte sulla fiumara”, realizzato in 5 anni di lavoro, dal 1921 al 1925.

Il Duca Erminio Gugliucci, giornalista, studioso, fu amico personale di Benedetto Croce; eletto Sindaco nel 1958, realizzò molte opere di carattere sociale.

Visitato 278 volte, 1 Visit today

Postato in Pubblica Amministrazione