Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca

Il Comune di Sacco fa parte del Parco Nazionela del Cilento e Vallo di Diano e della Comunità Montana Zona del Calore Salernitano, si trova sotto le falde del massiccio roccioso del Monte Motola, che segna il confine tra il Cilento ed il Vallo di Diano.

Il comune cosi chiamato forse per l’inaccessibile collocazione del suo castello (“saccus”, dal latino “via senza uscita”).

Poco distante, in un paesaggio di sorprendente bellezza, si trovano i ruderi di Sacco Vecchio, l’antico Castelvecchio, raggiungibile attraverso un sentiero.

Molto suggestivo il bordo medievale di Sacco con le sue chiese ed antichi palazzi

– Il palazzo del duca Giannantonio Capece in piazza del Popolo (oggi palazzo Dente).

– Il palazzo dell’Aciprete Salomone alla Crocevia.

– Il palazzo Arcaro di piazza del Popolo.

– Il palazzo della famiglia Marini in via Verdi.

– Il palazzo Perrone-Mangieri di corso Umberto I.

– Il palazzo del cardinale Raffaele Monaco La Valletta di corso Umberto I.

– Il palazzo detto il Convento con i due ingressi monumentali di via Lavinaio e di Piazzetta del Noceto.

– Il palazzo Troiano a largo Case Troiano, appartenuto alla madre del duca Scipione Villani, che era una discendente della famiglia Troiano – Spinelli del ducato di Laurino.

– Il palazzo Monaco in cima all’arco di don Paolino.

– Il palazzo di Girolamo Gatta a via Roma.

– La Villa D’Acampora a via Casalvetere.

– Il palazzo della famiglia Arcaro a via Piedi la Strada.

– Il palazzo Ansanelli a largo S.S. Annunziata.

– Il palazzo Monaco di via San Vito.

– Il palazzo ducale dei duchi Villani l’ultimo del paese.

Esistono altri palazzotti minori che meritano l’interesse dello studioso sia per i portali, sia per l’antichità che per l’armonia architettonica:

– Il palazzotto del Prete di Bellella in Piazza del Popolo.

– Il palazzotto Consoli di via Trieste.

– Il palazzotto Consoli di Piazza del Popolo.

– Il palazzotto di Giustino Macchiarulo di Largo sopra Crocevia.

– Il palazzotto di Angelo Saggese dopo la porta di Santa Lucia.

Il paese era anche munito di 4 porte:

– La porta della Saracina, aveva sul lato destro una imponente torre angioina ed era inglobata nelle strutture dell’antico castello. Questa era una porta principale da cui nasceva la via ducale. La catastrofica frana del 1908 distrusse completamente sia la porta che la torre. Oggi si ammirano unicamente resti di murature e di basamenti circolari.

– La porta di S. Lucia allocata al Pizzo del paese a lato della cappella di S. Lucia, riceveva, riunendole nel corso principale del paese, via S. Lucia e via S. Antonio. Questa porta venne in parte distrutta nel 1880 quando al Pizzo del paese arrivò la strada provinciale che scendeva dall’Epitaffio, questa strada attualmente è il corso Vittorio Emanuele. La distruzione definitiva di quello che restava della struttura è avvenuto negli anni quaranta. Oggi della porta resta solo il ricordo.

– La porta di S. Antuono era sul lato della cappella di S. Antonio al Chiaio. Da questo ingresso usciva la via per andare al Vallo di Diano. La porta è stata distrutta insieme alla cappella dalla slavina, che si staccò dalla montagna partendo dall’invaso pluviale della valle di Santa Cecilia nel 1858. La cappella di S. Antonio però era già stata trasferita nel 1698 in località S. Giovanni sul punto ove ancora oggi è presente. Sulla costruzione realizzata al posto della cappella è presente una nicchia votiva dedicata a S. Antonio.

– La porta del Lavinaio è l’unica esistente al presente, inglobata nella imponente struttura, che la tradizione dice essere stata il Convento, del quale però non si trova traccia in nessun documento. Questa era un ingresso secondario non ufficiale ma utile al volgo per la facilità con cui si accedeva alla campagna; ancora oggi conserva la stessa funzione. Ai lati della porta si notano i resti della mura di cinta del paese, che a destra continuano fino al Cieuzo per ben 200 metri e sinistra della porta terminano nell’orto dell’ex convento con una serie di archi e muratura.

Indirizzo

Il nosto indirizzo:

Sacco

GPS:

40.375959677790334, 15.37829149824222

Telefono:

-

Email:

-

Web:

-

Programma il mio itinerario

In Alto

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi