Santomenna è un comune della provincia di Salerno in Campania nell’Alta Valle del Sele, il borgo sorge nella zona montuosa compresa tra la sella di Conza e il gruppo montuoso Marzano-Eremita, nell’Alta Valle del Sele.

Il Municipio è situato in Corso XXIII Novembre cap. 84020.

Secondo una tradizione locale, nel VI secolo un religioso realizzò un eremo e vi si stabilì. In seguito vi si stabilirono altri monaci, edificarono un monastero e intorno vi nacque l’abitato.

Secondo lo studioso Francesco Di Geronimo, fu Narsete, generale bizantino, che in occasione dell’assedio di Conza tra il 554 e il 555 edificò una chiesa dedicata a San Menna, martire egiziano. È questo santo (e non l’omonimo eremita beneventano) che ha dato il nome al paese dell’alto Sele.

Lo stemma del paese di Santomenna reca, infatti, l’immagine del santo guerriero, con la spada e la palma.

Il borgo durante l’amministrazione ecclesiastica esercitata dall’arcidiocesi di Conza è stata la residenza invernale degli arcivescovi. Qui trasferirono anche il tribunale ecclesiastico e fondarono il seminario, dei quali ormai non resta che un ricordo. Il paese visse un periodo di particolare splendore sotto l’episcopato del teatino mons. Gaetano Caracciolo appartenente ai duchi di Belcastro. Egli dopo aver preso possesso della diocesi di Conza nel 1682, abbellì e ampliò il palazzo vescovile fatto costruire in precedenza dal vescovo Giuseppe Nicolai; costruì la vice-cattedrale intitolata a San Gaetano da Thiene e il paese fu ritenuto una specie di capitale della diocesi e qui furono tenuti due importanti sinodi.

Dal VI secolo, in epoca Longobarda, il territorio dell’Alta Valle del Sele, in cui sorge Santomenna, rimase annesso al ducato di Benevento, fin quando nella metà del IX secolo fu smembrato in tre principati: Benevento, Salerno e Capua.

Nacque così il Principato Citra, comprendente il territorio di Salerno e tutti i paesi adagiati sulla destra e sulla sinistra dell’Alto Sele vi furono ascritti per circa dieci secoli.

Dal 1811 al 1860 ha fatto parte del circondario di Laviano, appartenente al Distretto di Campagna del Regno delle Due Sicilie.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d’Italia ha fatto parte del mandamento di Laviano, appartenente al Circondario di Campagna.

A seguito del terremoto dell’Irpinia del 1980 il paese è stato completamente distrutto ha ricevuto successivamente anche la  Medaglia d’oro al Merito Civile.

Indirizzo

Il nosto indirizzo:

Corso XXIII Novembre Santomenna, Campania

GPS:

40.807277461566656, 15.320634401574694

Telefono:
Web: