Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca




Tra i siti archeologici presenti sul territorio di Roscigno, di particolare interesse è la Tomba di Monte Pruno.

Scoperta nel 1938, in seguito a lavori agricoli, gli scavi iniziarono nella prima decade di novembre 1938 portando alla luce una tomba di grande interesse archeologico. La camera tombale era coperta da una lastra di tufo.

Il recinto sepolcrale, rettangolare, misura 5 metri per 3 ed è dotato di un corridoio, lungo 2 metri per 1,70, che serviva da accesso alla camera.

Si tratta della tomba di un capo dell’antico popolo che abitava l’Italia meridionale, dai Greci chiamato Enotrio, sopraffatto tra il 500 e il 470 a.C. dai Lucani.

Il corredo comprendeva una corona d’argento e il carro da guerra. A questo si aggiunge un ricco servizio da mensa, costituito da vasi a figure rosse di produzione magno-greca, e vari oggetti di bronzo di influenza etrusca, tra i quali strigili e un candelabro decorato con un piccolo gruppo figurato, un kantharos d’argento e due pendagli in oro. Il corredo testimonia dell’influenza esercitata su questo capo indigeno dalle colonie greche della piana costiera.

A partire dagli anni 1980 è stato avviato un programma di studio e di ricerca (Università di Napoli). Sono state individuate tombe datate alla metà del VI secolo a.C. e una seconda ricca tomba degli inizi del V secolo a.C.

Nel IV secolo a.C. una cinta muraria era stata costruita intorno all’insediamento, costituito da case sparse. Si trattava probabilmente del centro fortificato che raccoglieva in caso di pericolo la popolazione sparsa su una vasta area.

Altre sepolture (tra cui una tomba femminile della metà del VI secolo a.C.) e abitazioni (un vasto complesso in uso tra la seconda metà del IV e la metà del III secolo a.C.) sono state rinvenute nella località Cuozzi, a circa 1 km, sulle pendici del monte. Poco a valle corre tuttora un tratturo, noto tradizionalmente come “trazzera degli stranieri”, che doveva costituire la via di comunicazione tra la costa e l’interno.

Gli insediamenti sembrano essere stati abbandonati in modo abbastanza improvviso alla fine del III secolo a.C., probabilmente in coincidenza con l’arrivo dei Romani.

L’accesso al sito è gratuito.

Indirizzo

Il nosto indirizzo:

Monte Pruno, Roscigno, SA, Italia

GPS:

40.401258, 15.344195000000013

Telefono:

-

Email:

-

Web:

-

Programma il mio itinerario

In Alto

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi