Piazza Sabbato abbraccia Francesco Pastore

Piazza Sabbato abbraccia Francesco Pastore

Una grande folla per il candidato sindaco Francesco Pastore. Piazza Sabbato gremita e piena di entusiasmo ha celebrato l’apertura della campagna elettorale della coalizione formata dai partiti del centrodestra e da tanti rappresentanti di liste civiche e movimenti associativi.

A testimoniare il forte sostegno alla candidatura di Francesco Pastore gli interventi dei deputati Gigi Casciello ed Enzo Fasano di Forza Italia, Edmondo Cirielli di Fratelli d’Italia e Gianluca Cantalamessa della Lega.

In piazza tantissimi amministratori locali della provincia di Salerno e dirigenti di partito.

Spazio, quindi, alla presentazione di tutti i candidati di Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Il Popolo della Famiglia, Città Attiva, Popolo Democratico – UdC, Siamo Pontecagnano Faiano.

«Un esercito di donne e uomini liberi» le parole di Francesco Pastore dopo aver rivolto, come primo pensiero, un augurio a tutte le mamme.

«I nostri sono candidati veri – ha detto– non candidati che non si sa di chi siano dipendenti. Le liste le abbiamo create qui a Pontecagnano Faiano, non nei paesi limitrofi».

«C’è chi come me – ha aggiunto – c’è sempre stato. Altri, invece, improvvisano adesso la loro presenza nelle strade, nelle scuole e sul territorio. Ma la passione non si inventa, o si ha o non si ha. Potrei usare la mia età come elemento di forza, ma parto dalla mia esperienza che è ancora più importante».

«Nel bene e nel male – ha aggiunto – chi governa si assume tutte le responsabilità e chi si impegna nei processi di governo di una comunità è sempre da elogiare. Perciò l’argomento che spesso viene usato contro di me non regge. E’ vero che chi governa commette degli errori, è inevitabile. E ne approfitto per chiedere scusa con tutto il cuore a chiunque si sia sentito colpito o offeso da un mio sbaglio. Ma l’esperienza è un valore positivo. La mancanza non può essere un vanto. Vi domando: lascereste amministrare un’azienda a chi non conosce neppure le sue porte e finestre? Noi non dovremo perdere tempo a capire come si fanno le cose e da dove iniziare, governeremo da subito».

E, ancora, Francesco Pastore ha ribadito. «Non possiamo rischiare di perdere la libertà culturale e politica di questa Città». «E se Pontecagnano Faiano, in questi anni, ha conservato la propria autonomia sappiamo tutti chi dobbiamo ringraziare» ha affermato salutando il Primo Cittadino Ernesto Sica e rivolgendogli un tributo di vero affetto.

«Qualche rappresentante provinciale– ha proseguito – ci facesse capire che fine ha fatto il finanziamento per il piano di ripascimento invece di impegnarsi a trovare candidati per la coalizione avversaria».

Quindi il candidato Sindaco ha illustrato sulle priorità del suo impegno

«Abbiamo le competenze e l’esperienza – ha chiarito – per governare sin dal primo giorno». Si è, quindi, soffermato sul programma: l’adozione definitiva del Puc in 120 giorni; il nuovo centro urbano con la riqualificazione di Piazza Sabbato e piazza Risorgimento; la realizzazione di piazza San Benedetto; il piano Sviluppo Marina di Pontecagnano Faiano; la Città del gusto tra via Roma e l’area della Congrega; il completamento della riqualificazione di Sant’Antonio e di tutte le aree periferiche come Picciola e Corvinia; l’incremento della sicurezza; la riorganizzazione dei servizi comunali; una rivoluzione del sistema di raccolta rifiuti e tanto altro ancora.

«Il 10 giugno – ha concluso – sarà un voto referendario: stabiliremo se Pontecagnano Faiano ha diritto ad avere un sindaco o un commissario politico. Ma noi vinceremo questa grande battaglia di libertà».

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi